Come Scegliere l'amministratore

1) Verificare la competenza e la preparazione professionale.

La riforma del condominio (Legge 220/13) stabilisce infatti l’obbligo di diploma di scuola superiore, un livello minimo di istruzione fondamentale, insieme alla frequenza di un corso di formazione di base. Il professionista deve essere “immacolato” dal punto di vista penale, perché non deve aver subito alcuna condanna penale.

Tutti i requisiti professionali dell’amministratore vengono verificati dalle associazioni che rappresentano un’attività non regolamentata, che rilasciano il certificato di conformità, un attestato che comprova la sussistenza dei requisiti.

Formazione di base, aggiornamento, certificazione, consulenze specializzate, informazione in tempo reale, certificazione di conformità sono le principali attività che deve svolgere l’associazione in cui rientra l’amministratore.

 

2) Diffidare da chi presenta il preventivo senza prima aver fatto un sopralluogo al condominio

Per valutare, sopratutto, le parti comuni da amministrare (eventuali giardini,posti auto, riscaldamento centralizzato....)

 

3) Diffidare di chi chiede un compenso troppo basso

E' molto probabile che possa richiedere percentuali ai fornitori

 

4) Deve poter affrontare le problematiche di più settori (dal tecnico, al legislativo e fiscale)

Questo perché è chiamato, per legge, ad occuparsi dei problemi più disparati (risparmio energetico, ristrutturazioni, sicurezza degli impianti...)

 

5) Deve possedere doti manageriali.

Un buon manager, in azienda, individua dove poter tagliare i costi.

Inoltre è importante anche che si avvalga dell’aiuto di consulenti fidati, appoggiandosi ad un’associazione e ai suoi specialisti.

 

6) Verificare la destrezza nell’utilizzo del computer.

Per assolvere agli obblighi contabili previsti per legge.

La presenza di un sito web condominiale costantemente aggiornato è, per ogni condòmino, garanzia di traparenza; potendo controllare rapidamente la situazione contabile.

.Fare tutto a mano non è garanzia di correttezza delle procedure amministrative.

 

7) Subito dopo la nomina, deve apporre la targa con nome e recapiti all’esterno del condominio.

In modo da consentire, facilmente, la propria rintracciabilità.

Numeri utili